Nella scena finale dello storico documentario di Frederick Wiseman “Domestic Violence”, la polizia di Tampa arriva a tarda notte a casa di un uomo ubriaco e una donna malata. L’uomo ha chiamato la polizia perché è arrabbiato perché la donna, che ha disperatamente sonno, lo “trascura”. Minuto dopo minuto, diventa chiaro che l’uomo vuole che sia allontanata da casa prima che la sua rabbia si trasformi in violenza fisica.

Nella sua mente, il misfatto della donna – essere malata; avere bisogno di riposo; desiderare di rimanere nella sua casa – si trasforma in uno strumento di dolore, che lei sta scegliendo di brandire contro se stessa. Alza le mani sopra la testa in un gesto di resa. È tutta colpa sua. Lui non può farci niente. Uno dei trucchi più efficaci dell’abusante è questa inversione di potere, nel momento esatto in cui la sua vittima è più spaventata e degradata: guarda cosa mi hai fatto fare.

Guarda cosa mi hai fatto fare è emerso come l’ethos dominante dell’attuale Casa Bianca. Durante la corsa presidenziale del 2016, molti osservatori hanno tracciato parallelismi tra il linguaggio dei molestatori e quello di Trump nel percorso elettorale. Fin dalla sua elezione, i membri dell’amministrazione Trump hanno imparato quella lingua, e in nessun posto questo è più vivido che nella retorica che usano per discutere le politiche dell’amministrazione verso gli immigrati centroamericani che attraversano il confine degli Stati Uniti.

Informalmente dalla scorsa estate, e ufficialmente dal 6 aprile, il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale separa i genitori dai loro figli alla frontiera, portando i genitori in custodia criminale e consegnando i bambini al Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani [D.H.S.] da inserire in rifugi e famiglie affidatarie, a volte a migliaia di chilometri dai loro genitori.

Il processo è aggravato nella sua brutalità dalla sua confusione forse intenzionale, come riportato domenica da un pezzo del Boston Globe: i genitori in custodia spesso non hanno idea di dove siano i loro figli, come recuperarli, o se o quando li vedranno di nuovo.

Non c’è dubbio che le azioni dell’Amministrazione Trump siano gravemente e definitivamente danneggiando questi bambini. Ma chi glielo ha permesso? Secondo Donald Trump, i Democratici del Congresso. “Separare le famiglie al confine è colpa della cattiva legislazione approvata dai democratici”, ha twittato il Presidente la mattina del 5 giugno.

Tre giorni dopo, Trump ha alzato il tiro: “Non mi piace che i bambini siano separati dai genitori. Non mi piace. Lo odio. Ma questo è un disegno di legge democratico che stiamo imponendo”. (L’affermazione è un caos trumpiano puro: la finzione smussata del” disegno democratico”, lo spregevole nichilismo che anima “l’applicazione” della legge inesistente).

Trump è principalmente da solo a incolpare i democratici; altri preferiscono dare la colpa alle famiglie. “Non seguiamo una politica che separa i bambini dai loro genitori”, il D.H.S. il segretario, Kirstjen Nielsen, ha detto all’audizione della commissione del senato. “La nostra politica è che, se infrangi la legge, ti perseguiremo”. Il capo dello staff della Casa Bianca, John Kelly, ha detto alla NPR: “I bambini saranno accuditi – mandati in affidamento o altro. Ma il punto principale è che hanno scelto di entrare illegalmente negli Stati Uniti e questa è la tecnica che nessuno spera possa essere usata ancora a lungo”. Il procuratore generale, Jeff Sessions, ha detto, sul programma radiofonico conservatore Hugh Hewitt’s show “Non è certo il nostro obiettivo separare i bambini, ma penso sia chiaro, è legittimo mettere in guardia le persone che vengono nel paese, portando illegalmente dei bambini con loro, che non possono aspettarsi che rimarranno sempre insieme”.

trump-immigration-final

In una parte del pezzo del Sunday’s Globe, un avvocato difensore chiede a un giudice, magistrato degli Stati Uniti in Texas, Peter Ormsby, di ordinare ad un gruppo di immigrati in custodia di riunirsi con i loro figli; Ormsby si rivolge agli imputati e dice: “Spero che tu capisca il motivo per cui c’è stata una separazione, hai violato le leggi qui”. Guarda cosa mi hai fatto fare.

Infiniti resoconti strazianti continuano ad emergere dai risultati della politica di separazione. Sabato, il Washington Post ha riferito che un richiedente asilo trentanovenne dell’Honduras di nome Marco Antonio Muñoz si è impiccato in una cella imbottita di un carcere del Texas dopo essere stato separato dalla moglie e dal figlio di tre anni. (“Il ragazzo ha dato di testa”, ha detto al Post un anonimo agente della Pattuglia di Frontiera. “Hanno dovuto usare la forza fisica per togliergli il bambino dalle mani”). E giovedì, il Times ha raccontato la storia di José, 5 anni anch’egli originario dell’Honduras, che è stato prelevato da suo padre a El Paso e portato in una casa adottiva nel Michigan.

Il ritratto di un ragazzino abbattuto e terrorizzato era previsto in molti dei suoi particolari da Colleen Kraft, il presidente dell’American Academy of Pediatrics, che scrisse una lettera al Segretario Nielsen il 1 ° marzo, sul trauma profondo causato da un attaccamento disturbato. “Quando i bambini si sviluppano, il loro cervello cambia in risposta ad ambienti ed esperienze”, ha scritto Kraft. “Paura e stress, in particolare l’esposizione prolungata a stress gravi senza la protezione tampone fornita da relazioni stabili e reattive, note come stress tossico, possono danneggiare il cervello in via di sviluppo e danneggiare la salute a breve e lungo termine”.

Nell’abuso di partner intimi, la donna maltrattata è sia la causa che l’effetto della violenza condotta contro di lei; nella violenza che viene fatta alle famiglie a casa, il bambino rapito prende il posto della donna maltrattata. (Guarda cosa mi hanno fatto fare i tuoi genitori.) Un altro segno distintivo della violenza domestica è l’abilità dell’abusante di mistificare la realtà: il repertorio di menzogne, distorsioni, deviazioni e sminuzzamenti che distorcono e corrodono costantemente il senso di realtà della vittima, stringendo il controllo dell’abusante su di lei. Gaslighting[far ammattire], non c’è bisogno di dirlo, è la modalità preferita di comunicazione di Trump, ed è il codice della stessa politica di separazione familiare: una volta che i genitori sono stati presi in custodia, i bambini vengono riclassificati come “minori non accompagnati”, i loro genitori sono effettivamente scomparsi . Venerdì, NPR ha riferito su tre madri guatemalteche che erano sotto processo a Alpine, in Texas, dopo che il D.H.S. ha volato con i loro bambini – otto, otto e nove – oltre duemila miglia di distanza, in un rifugio a Manhattan. “Non c’è alcuna riferimento nella narrazione della Border Patrol”, ha detto un avvocato dell’immigrazione alla NPR, “del fatto che queste donne hanno avuto dei bambini con loro quando sono entrati negli Stati Uniti”. Puoi provare che questo bambino è tuo? Hai persino figli? Bene, allora, dove sono?”

“Lascio questo a te” l’uomo ubriaco ammonisce i poliziotti di Tampa mentre si preparano a lasciare la sua casa in “Domestic Violence”. “Se questo è il modo in cui vuoi risolverlo, e lasciarci entrambi qui insieme, allora sono affari tuoi. Vi avevo chiamato». L’uomo si compiace di quanto fosse corretto comunicare alle autorità competenti il pericolo rappresentato dalla donna debole e supplicante in mezzo a loro. Apprezza quanto sia gentile a rimandare al giudizio della polizia.

L’amministrazione Trump è simile marchio di sfuggente autoritarismo: desideroso di fare del male, desideroso di implorare l’impotenza nell’atto di fare del male. “C’era una separazione”, dice il giudice, la voce passiva burocratica che attenua la crudeltà attiva che descrive. “Non vogliamo farlo affatto”, ha detto Jeff Sessions a Hugh Hewitt. Nella mente di Trump e dei suoi simili, i misfatti commessi dai genitori alla frontiera – in fuga dal pericolo e dalla violenza documentati nei loro paesi nativi; richiedendo legalmente l’asilo; mantenendo i loro figli vicini – trasforma il governo americano in uno strumento di dolore, uno che queste famiglie scelgono di brandire contro se stessi. (Quel dolore continuerà a diffondersi e approfondirsi: oggi, l’amministrazione Trump ha dato notizia che smetterà di concedere asilo alla maggior parte delle vittime di violenza domestica e violenza di gruppo).

C’è sempre stata un’incredibile intimità per gli insulti e le crudeltà di Trump, sia che sessualizzasse sua figlia sia che fosse sessualmente umiliante e dominasse fisicamente Hillary Clinton durante il secondo dibattito presidenziale. Per molti osservatori, in particolare donne, il dibattito – che si è aperto giorni dopo l’uscita del nastro “Access Hollywood” – ha innescato una risposta di lotta o fuga, scatenando i propri ricordi di molestie e abusi. E, per molti osservatori, in particolare i genitori, la copertura giornalistica delle atrocità commesse al confine in nome della prosperità e della sicurezza americane scatena una simile risposta fisiologica – tranne che questa volta l’innesco è attivato da una forza sadica e totalitaria. (Non posso essere l’unica madre di bambini piccoli che dormiva sul pavimento della stanza dei suoi bambini la notte in cui “All in with Chris Hayes” riferiva di un bambino sequestrato ai suoi genitori, una settimana dopo il suo primo compleanno). Un lento terrore silenzioso continua a diffondersi nella popolazione americana.

Siamo tutti trasformati in complici spettatori nella violenza di Trump.

Siamo tutti membri della famiglia tossica e traumatizzante di Trump ora.

Il Linguaggio dell’amministrazione di Trump è il linguaggio della Violenza Domestica [The Language of the Trump Administration Is the Language of Domestic Violence (Jessica Winter, 11 giugno 2018, New Yorker)]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...